CONSUMI “ASSEDIATI” DA INFLAZIONE E CARO ENERGIA

CONSUMI “ASSEDIATI” DA INFLAZIONE E CARO ENERGIA

Analisi dell’Ufficio Studi di Confcommercio sulle spese obbligate delle famiglie tra il 1995 e il 2022. Quest’anno le spese obbligate hanno raggiunto raggiungono quota 42,9% sul totale dei consumi, il valore più alto di sempre.  Spesa pro capite di 8.154 euro (+152 euro rispetto all’anno scorso).

Tra consumi e spese obbligate c’è da sempre, com’è ovvio, un rapporto molto stretto. Affitti, bollette e assicurazioni varie per intenderci, hanno un peso importante nell’economia delle famiglie e determinano insieme all’inflazione l’andamento dei consumi come si è già visto nella Congiuntura Confcommercio di giugno. L‘analisi dell’Ufficio Studi di Confcommercio sulle spese obbligate delle famiglie tra il 1995 e il 2022 (link pdf) fotografa perfettamente questo tipo di situazione: nel 2022 per esempio, il desiderio di ritorno alla normalità sta sostenendo, in questa prima parte dell’anno, i consumi delle famiglie con alcuni comparti in forte recupero, come il turismo e l’area della convivialità e del tempo libero, ma ci sono settori che ancora stentano, come l’automotive e l’abbigliamento.

Un quadro che, secondo l’Ufficio Studi, rischia un forte rallentamento, soprattutto dopo l’estate, a causa dell’impatto sul potere di acquisto delle famiglie dell’inflazione (prevista intorno al 7% nel 2022), degli aumenti dell’energia e delle spese obbligate che nel 2022 raggiungono la quota record del 42,9% sul totale dei consumi, il valore più alto di sempre, con un incremento dell’incidenza di 6,3 punti dal 1995 ad oggi; su un totale consumi all’anno di oltre 19mila euro pro capite, per le spese obbligate se ne vanno 8.154 euro (+152€ rispetto all’anno scorso), tra queste spese, la quota principale è rappresentata dalla voce abitazione (4.713 euro) ma il contributo maggiore all’incremento complessivo viene dall’aggregato energia, gas e carburanti (1.854 euro) che, nella media del 2022, raggiunge un’incidenza sul totale consumi del 9,7%, valore mai registrato prima.

Spese obbligate e commercializzabili

Fonte: elaborazioni e previsioni Ufficio Studi Confcommercio su dati Istat.

Consumi obbligati e commercializzabili

valori a prezzi 2022 (euro)
1995 2007 2013 2019 2020 2021 2022
Obbligati e affitti imputati 7.883 8.246 7.792 8.135 7.717 8.002 8.154
 abitazione 4.303 4.516 4.486 4.583 4.627 4.678 4.713
 sanità 728 690 607 713 687 707 691
 assicurazioni, carburanti e manutenzione mezzi trasp. 1.420 1.580 1.894 1.895 1.541 1.754 1.899
 altro (**) 1.038 1.074 806 866 785 814 851
Energia, gas e carburanti (***) 2.276 2.304 1.885 1.840 1.664 1.814 1.850
Commercializzabili 9.825 11.964 10.449 11.472 9.745 10.489 10.873
 Beni 6.867 8.052 6.695 7.404 6.976 7.302 7.347
 – di cui alimentari (****) 3.229 3.339 2.864 2.999 3.075 3.122 3.077
 Servizi 2.930 3.903 3.755 4.068 2.767 3.187 3.526
TOTALE CONSUMI 17.564 20.227 18.238 19.613 17.450 18.488 19.026
composizione % prezzi correnti
1995 2007 2013 2019 2020 2021 2022
Obbligati e affitti imputati 36,6 39,1 41,9 40,6 42,7 42,4 42,9
 abitazione 18,0 20,4 23,7 22,5 25,3 24,4 24,8
 sanità 3,3 3,1 3,3 3,5 3,7 3,7 3,6
 assicurazioni, carburanti e manutenzione mezzi trasp. 9,6 10,5 10,3 9,9 9,0 9,7 10,0
  altro (**) 5,7 5,2 4,5 4,6 4,7 4,5 4,5
Energia, gas e carburanti 8,8 8,3 8,9 7,2 6,7 7,8 9,7
Commercializzabili 63,4 60,9 58,1 59,4 57,3 57,6 57,1
 Beni 46,1 41,4 37,5 38,4 41,1 40,1 38,6
 – di cui alimentari (***) 17,9 15,4 15,3 15,2 17,8 16,8 16,2
 Servizi 17,3 19,5 20,7 21,0 16,2 17,5 18,5
TOTALE CONSUMI 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0 100,0

Fonte: elaborazioni e previsioni USC su dati Istat.

Deflatore dei consumi

Indice base 1995  

Variazioni %

2000 2007 2019 2020 2021 2022 2019-1995 2022-2019 2022-1995
Spese obbligate (inclusi fitti imputati) 120,7 153,9 178,6 174,4 182,0 203,9 78,6 14,1 103,9
Energia, gas e carburanti 116,7 145,9 178,4 162,7 186,4 249,0 78,4 39,6 149,0
Beni commercializzabili 108,0 120,2 135,1 136,3 136,9 143,0 35,1 5,9 43,0
Servizi commercializzabili 112,0 132,7 153,0 153,3 155,5 162,5 53,0 6,2 62,5
Totale Consumi 113,9 136,4 156,6 156,3 158,9 168,7 56,6 7,7 68,7

Fonte: elaborazioni e previsioni USC su dati Istat.

Sangalli: “Fare di più contro il caro energia”

Commentando l’analisi dell’Ufficio Studi della Confederazione sulle spese obbligate, il presidente Sangalli ha sottolineato che “la crescita a dismisura del costo dell’energia incide pesantemente anche sulle spese obbligate, come quelle per la casa, che toccano livelli record. Per evitare di deprimere i consumi e congelare la ripresa è necessario che l’Europa metta un tetto al prezzo del gas e il Governo agisca più incisivamente su caro energia e cuneo fiscale”.

Select the fields to be shown. Others will be hidden. Drag and drop to rearrange the order.
  • Immagine
  • SKU
  • Valutazioni
  • Prezzo
  • Magazzino
  • Disponibilità
  • Aggiungi al carrello
  • Descrizione
  • Contenuto
  • Peso
  • Dimensioni
  • Additional information
  • Attributi
  • Custom attributes
  • Custom fields
Click outside to hide the compare bar
Comparatore
Comparatore ×
Let's Compare! Continue shopping